• bestofcluj.png
  • clujuldelanganoi.png
  • gradinabotanica.png
  • muzee.png
  • parcetnografic.png

MUSEI

{gallery}Atractii_turistice/Muzee/ColectiadeIstorieaFarmaciei/{/gallery}

Il Museo di Storia della Farmacia è ubicato nella più vecchia farmacia di Cluj, la Farmacia “La Sfântul Gheorghe”, conosciuta con il nome di farmacia Hintz, la cui prima testimonianza documentaria risale dal 1573.

Il museo fu inaugurato nel 1954. Poi, nel 1963, il Museo della Farmacia ricevé il suo nome dalla Collezione di Storia della Farmacia, subordinato al Museo Nazionale di Storia di Transilvania.

All’origine di questo museo sta la collezione degli oggetti farmaceutici di Transilvania del Professor Iuliu Orient (1869-1940), esposta nel 1904 in una delle sale del Museo di Ardeal. Raccogliendo un numero di 1800 reperti, questa collezione è stata donata al museo, essendo arricchita col passar del tempo con altre donazioni meritevoli che illustrano l’attività farmaceutica di Transilvania dei secoli XVI-XX.

Il laboratorio (il vano in cui si vendevano i farmaci) è decorato con una pittura murale in stile barocco che risale dal 1766. Questo decoro di laboratorio è unico in Romania

L’arredo farmaceutico autentico risale dai secoli XVII-XI. Vi sono esposti dei vasi farmaceutici antichi di diverse tipologie, dei prodotti farmaceutici, dei libri antichi e dei documenti importanti. Nella camera materiale sono esposti oltre 200 vasi farmaceutici in legno, che risalgono dai secoli XVII-XIX. In questi vasi, i farmacisti conservavano le polveri ottenuti dalle piante medicinali e alcune polveri minerali. Esiste anche una farmacia portatile in legno le cui cassette contengono diverse bottiglie con le relative etichette.

Al seminterrato della farmacia troveremo l’ambiente di un laboratorio farmaceutico medioevale in cui aveva accesso soltanto il farmacista con i suoi assistenti. Vi sono esposti degli oggetti antichi, utilizzati nei tempi ormai passati per la preparazione dei farmaci sanatori. Ci possono essere viste diverse storte in vetro, distillatori in rame, percolatore (impianti per l’ottenimento dei percolati), vasi e recipienti in bronzo e rame, vasi farmaceutici ed elementi in stagno, un supporto con dei miscelatori in legno, vasi antichi in vetro, ceramica e legno, mortai in bronzo e ottone.

Curiosità:

- Sui pannelli delle porte di un armadio della farmacia sono illustrate le fasi della vita dell’uomo: l’infanzia, la gioventù, la maturità e il decesso.

- L’albero della vita è circondato de due serpenti di Esculap.

- Nella hall di accesso si può vedere una pianta con le insegne delle farmacie documentate della zona di Transilvania dalla fine del secolo XV e fino all’inizio del secolo XVIII.

- Pulvis mumiae vere (la polvere della vera mummia) e la polvere ricavate di pietre preziose, utilizzati tutti e due come farmaci universali.

- Hyraceum – prodotto di origine animale (tasso africano) con molteplici applicazioni mediche: Epilessia, isteria.

- Theriaca veneziana, utilizzato come antidote per i veleni.

- Asfalto di Siria utilizzato nella cura del reumatismo.

- Polvere ricavata da corali e occhi di crostacei – fonti naturali di calcio.

Tariffa:

Adulti – 5 lei,

Alunni, studenti, pensionati – 3 lei

Tassa foto - 25 lei

Orario

Lunedì, martedì, mercoledì, venerdì - 10:00 - 16:00 Giovedì - 12:00 - 18:00 Sabato, domenica - chiuso

 

Categoria: IT Muzee

Publicatii

publicatii03